Le sale conferenze Motus Animi

giovedì 17 ottobre 2013

Volete vendemmiare nel Salento?


LECCE – Con lo slogan «Verso il vino Raccolta e pigiatura dell’uva», nel Salento è stato promosso, per sabato e domenica prossimi, un weekend di turismo responsabile per comprendere il lavoro della vendemmia e la festa del raccolto, gustare le ricette con l’uva e partecipare ai canti e alle danze nei vigneti. Ne dà notizia un comunicato.
L’iniziativa che rientra nel progetto ‘Campagne 2013 da Settembre a Dicembre’ – ricorda la nota – è stata organizzata da «Specimen Teatro» e «Salentoincampo» in collaborazione con l’azienda agricola Corallo di San Pietro in Lama (Lecce), come «un viaggio nella cultura del vigneto, del vino, del lavoro, un bisogno di esprimersi nei luoghi in cui nasce il cibo e conoscere le tecniche di lavorazione della tradizione».
La raccolta si terrà presso la Casina Corallo a San Pietro in Lama, una tenuta del ’700, proprietà di una famiglia settecentesca dove si trovano coltivati biologicamente i vitigni Negroamaro e Malvasia. Le colazioni per i partecipanti sono preparate da Mariella Salierno del GAS ‘Salento In Campo’ e molte ricette sono preparate utilizzando le uve della vendemmia (pane dolce con uva fresca, composta di nove uva diverse, crostata con confettura e marmellata d’uve, vincotto, le buone cose per condire verdure, preparare dolci, guarnire pietanze).
L’azienda ‘Casina Corallo’ conserva i suoi vini negli orci che si fabbricano a San Pietro in Lama, simili ai grandi contenitori in terracotta (dolia) utilizzati dagli antichi Greci e Romani per far fermentare il loro vino. Questi contenitori avevano una capacità di alcuni migliaia di litri e spesso venivano interrati in maniera particolare. Successivamente il vino era trasferito nelle anfore per conservarlo nei magazzini o trasportarlo. Alcuni viticoltori stanno oggi sperimentando la fermentazione nella terracotta con tecniche simile a quelle antiche nell’ambito del movimento di «vino naturale» e «slow food».