Le sale conferenze Motus Animi

mercoledì 6 novembre 2013

Turismo e agricoltura. C’è l’accordo Cina-Salento


fonte: Leccenews24

Lecce. Il 24 Novembre 2013 a Lecce un tour operator cinese che prenderà in considerazione le nostre offerte in campo agricolo per lo sviluppo del così chiamato: agri-turismo. “Opportunità per il nostro territorio” ha dichiarato il sindaco Perrone durante una conferenza stampa.


Paolo Perrone ha espresso pubblicamente l’importanza che ha avuto la sua presenza nel viaggio in Cina dedicato al turismo dell’agricoltura. Un viaggio a Pechino, precisamente nella città di Changsha, che ha visto il sottosegretario all’agricoltura in primis e dietro di lui numerosi diplomatici italiani. Tra questi anche il primo cittadino, che nel presentare la città come candidata al turismo dell’agricoltura ha avuto l’enorme piacere di notare che Lecce è una meta molto ambita e già molto conosciuta.

Sappiamo bene che l’Italia per la Cina è la nazione leader sul fronte dell’agricoltura proprio perché nasce in Italia e perché è l’Italia la prima nazione ad avere l’agri-turismo. Ci sono due altri motivi per i quali la Cina è interessata all’agriturismo; il viaggio, considerato status symbol per i cinesi e l’attrazione per l’enogastronomia e il turismo agricolo. La Cina ha un’economia esplosa negli ultimi anni ma si porta alle spalle un grandissimo patrimonio rurale e quindi la possibilità di mutuare esperienze nel campo del turismo.

“ Si tratta di una rete di scambio straordinaria- dice Paolo Perrone in conferenza stampa- per questo ho voluto mettere in luce la nostra città e nello stesso tempo il Salento,ho voluto stringere moltissimi contatti con i loro tour operator che ne sono stati entusiasti perché per loro la presenza delle Istituzioni è importantissima”

E’ stato dunque organizzato un tour operator cinese a Lecce il 24 Novembre 2013,un tour che il Sindaco Paolo Perrone organizzerà presentando un’offerta di livello e che consideri tutte le peculiarità da loro richieste.

“Importantissima inoltre la nostra presenza e preparazione all’Expo 2015 -continua Perrone- per ottenere maggiore visibilità e considerazione dato che i cinesi avranno tre padiglioni e per loro si tratta di un’occasione straordinaria,lo sarà anche per noi dato che si avrà a che fare con  un mondo fatto di moltissima liquidità”

Al forum internazionale dell’agriturismo hanno partecipato rappresentanti istituzionali ed esponenti del mondo commerciale, economico e dell’informazione provenienti da tutto il mondo. E’ stata l’occasione per fare il punto sulle possibilità di incrementare i rapporti commerciali tra Cina e Italia,in particolare per il nostro territorio, che possiamo considerare uno dei massimi esponenti dell’agricoltura e del sistema rurale.
Raissa Del Prete