Le sale conferenze Motus Animi

martedì 27 gennaio 2015

QUANDO SOSPETTARE UNA MALATTIA AUTOINFIAMMATORIA NEL BAMBINO, Lecce 18 aprile 2015





QUANDO SOSPETTARE UNA MALATTIA AUTOINFIAMMATORIA NEL BAMBINO

18 aprile 2015
Istituto Marcelline, Lecce
100 partecipanti: pediatri, pediatri di libera scelta, infermieri pediatrici.


08.30 – 08.50          Registrazione dei partecipanti

08.50 – 09.00          Saluto del Direttore Generale A.O. “Card. G. Panico” Suor Margherita Bramato
Introduzione ai lavori e saluto delle autorità

I Sessione – Le sindromi autoinfiammatorie non monogeniche
Moderatori:   R. Rollo, P. Caprio

09.00–10.00           Dalla AIG sistemica alla MAS: moderno approccio diagnostico
A. Ravelli

10.00–11.00            Discussione interattiva su problematiche cliniche
G. Presta, G. Indirli, A. Tronci
Discussant: A. Ravelli

11.00–11.30 Coffee break

II Sessione - Sintomi ricorrenti che nascondono un causa genetica
Moderatori: C. Perrone, R. Montinaro

11.30–12.30            Malattie autoinfiammatorie monogeniche: come riconoscerle, perché trattarle
M. Gattorno

12.30–13.30            Discussione interattiva su problematiche cliniche
A. Tornesello, G. Pepe, R. Cavallo
Discussant: M. Gattorno

13.30–14.30                        Lunch

III Sessione – Le raccomandazioni utili nella pratica del Pediatra
Moderatori: L. Quartulli, L. De Giovanni

14.30–15.10            Algoritmo diagnostico l’individuazione delle malattie autoinfiammatorie
A. Civino 
15.10–15.50            Raccomandazioni pratiche per il monitoraggio del bambino in terapia con farmaci biologici
A. Ravelli

15.50–16.30            Take home message
M. Gattorno

16.30–17.00            Conclusioni e chiusura dei lavori


RAZIONALE
Le malattie autoinfiammatorie comprendono un gruppo crescente di patologie rare, multi organo, ad esordio precoce, caratterizzate da un’aberrante risposta infiammatoria correlata ad alterazioni su base genetica o multifattoriale di proteine coinvolte nei meccanismi immunoregolatori.
Il mancato riconoscimento di queste patologie ed una diagnosi tardiva rendono vani i successi oggi raggiunti nel trattamento, attraverso farmaci che possono controllare i sintomi ed impedire le temibili complicanze a lungo termine.
Le difficoltà della diagnosi precoce sono principalmente legate alla rarità delle patologie ed all’ampio spettro di manifestazioni cliniche che le caratterizzano.
Una buona conoscenza delle possibili presentazioni cliniche consente al Pediatra di individuare, attraverso indagini di I livello, i pazienti da avviare al Centro specialistico per il completamento diagnostico e l’eventuale indagine molecolare.
Attraverso l’incontro si intende condividere con i Pediatri del territorio ed ospedalieri il percorso identificativo e diagnostico di tali patologie ed utilizzare una rete di competenze multispecialistiche essenziale per la corretta gestione clinica.