lunedì 23 maggio 2016

TUTTI INNAMORATI DEL SALENTO: ARRIVA UN PREZIOSO RECORD

fonte: blastingnews

La terra salentina è ormai una delle mete preferite da parte dei turisti italiani e stranieri. Che la terra a Sud della Puglia fosse molto apprezzata era risaputo, ma questo record che arriva in questo periodo in cui il meteo non è dei migliori, tanto per usare un eufemismo, fa davvero piacere. Il Salento, nei primi tre mesi del 2016 è stata una delle terre più visitate e apprezzate dai turisti ed ha superato le precedenti presenze di turismo. Addirittura si calcola il9% in più di rispetto allo scorso anno. Cifre da incorniciare, specialmente se si tiene conto del periodo economico difficile un po' per tutti e del fatto che in tante zone si è invece dovuto registrare un passo indietro nei numeri riguardanti il turismo.

I dati arrivano da un campione consistente di strutture recettive, pari al 60%. L'aumento degli arrivi è pari al 9,2% rispetto allo scorso anno, mentre l'aumento dei pernottamenti supera di gran lunga anche la soglia del 10%, attestandosi al 18,5%. Continua a crescere il turismo straniero, il quale si attesta a +8,7% per gli arrivi ed a +14,9% per le presenze. Uno dei dati probabilmente più interessanti, riguarda il netto incremento del turismo interno, cioè degli stessi italiani: +9,2% gli arrivi, +19,4% le presenze.

Turismo in crescita in Puglia, ma domina la provincia di Lecce

In realtà, i dati dell'Osservatorio parlano di turismo in crescita in tutta la Puglia, seppur con cifre nettamente inferiori rispetto all'aumento di turismo registrato in provincia di Lecce. Il dato regionale parla di un aumento del turismo in Puglia di circa il 5%, ma il record dell'aumento spetta a Lecce. Molto apprezzati anche Valle d'Itria e Gargano.Sicuramente è contato tanto anche il periodo pasquale, in cui si sono toccate presenze di turisti estremamente alte. I dati sono ancora provvisori e potrebbero crescere nei prossimi mesi. Insomma, il Salento continua ad essere una terra molto apprezzata dal turismo internazionale e si va sempre di più nella direzione di un territorio che si basa tanto sul terziario ed investe nel turismo.