Le sale conferenze Motus Animi

lunedì 18 dicembre 2017

Crediti ECM, ancora pochi giorni per mettersi in pari con il numero di crediti necessari per lo scorso triennio


Ogni tre anni i dentisti iscritti all'Albo, come i medici e gli altri professionisti della salute, devono effettuare l'aggiornamento previsto dal programma Ecm (e dal codice deontologico), recuperando almeno 150 crediti formativi in un range che va da un minimo del 50% ad un massimo del 150% dell'obbligo formativo annuo.
Per venire incontro ai professionisti che nel triennio 2014-2016 non erano riusciti a recuperare il numero di crediti necessari la Commissione Nazionale ECM aveva concesso la possibilità di "mettersi in pari" recuperando i crediti mancanti nel 2017.
Attenzione, i crediti raccolti per compensare il fabbisogno del triennio passato non sono validi per questo triennio (2017-2019).
Entro il 31 dicembre 2017, quindi, i professionisti "carenti" devono recuperare per non rischiare di finire nella "blacklist" che molto probabilmente le singole OMCeO stileranno, visto che la norma demanda a loro il compito di verifica ed eventualmente sanzione verso gli iscritti inadempienti.
Per stabilire se si è raggiunto il quorum crediti è utile ricordare che se nel triennio 2014-2016 sono stati raccolti tra i 121 ed i 150 crediti nell'attuale triennio si avrà un "sconto" di 30 crediti formativi; se sono stati raccolti tra i 80 ed i 120 crediti si avrà uno sconto di 15 crediti formativi. Per coloro che avranno soddisfatto il poprio dosseir formativo potranno acquisire 15 crediti in meno.
Per conoscere il numero di crediti acquisiti è possibile rivolgervi al vostro Ordine oppure collegarvi al sito MyEcm, il servizio, gestito direttamente dall'Agenas e dalla Commissione Nazionale ECM, mette a disposizione di ogni professionista della sanità una pagina personalizzata attraverso la quale è possibile monitorare la propria situazione formativa per quanto riguarda i crediti acquisiti nell'ultimo triennio tramite eventi organizzati dai provider ed accreditati dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua.