Le sale conferenze Motus Animi

lunedì 15 ottobre 2018

PRESENTE E FUTURO DEGLI INIBITORI DELLE CICLINE CDK4/6


PRESENTE E FUTURO DEGLI INIBITORI DELLE CICLINE CDK4/6 

Sede dell’Evento: Sala Formazione Motus Animi, via Trinchese 95/A - Lecce
Data Evento: 13 novembre 2018
Responsabile scientifico: M. Ciccarese
N. Partecipanti: 25

Professioni Accreditate: Oncologia, Anatomia patologica, Chirurgia Generale, Medicina interna, Radioterapia , Medicina nucleare, Radiodiagnostica 




13 Novembre 2018
08.00 Registrazione partecipanti e caffè di benvenuto
08.30 Introduzione al Corso
M. Ciccarese
I SESSIONE
Moderatori: R. Forcignanò, E. De Matteis
09:00 Inibitori delle cicline: meccanismo di azione e sviluppo clinico
M. Morritti
09:30 Palbociclib: dati di efficacia (studi registrativi) e real life
G. Cairo
10:00 Neoadiuvante chemofree: quali dati
M. Cazzaniga
10:30 Take home messages

II SESSIONE
Moderatori: C. Accettura, G. Quarta
11:00 Algoritmo decisionale ideale nella paziente avanzata endocrinoresponsiva
M. Fedele
11:30 Tossicità da inibitori: sappiamo tutto?
V. Chiuri
12:00 Le pazienti anziane: assessment basale e dati di letteratura per il trattamento
S. Leo
13:30 Chemioterapia ed ormonoterapia single agent: c’è ancora un ruolo?
L. Moraca
14:00 Take home messages
M. Ciccarese
14:30  Questionario ECM
15.00 Aperitivo di chiusura lavori
   
RAZIONALE SCIENTIFICO
La malattia mammaria endocrinoresponsiva rappresenta circa il 70-80% della patologia mammaria.  Negli ultimi anni le opzioni terapeutiche per il tumore della mammella hanno registrato un enorme sviluppo ma nonostante ciò la recidiva si manifesta in queste pazienti. Obiettivo del corso è quello di definire il panorama al momento disponibile sulle opzioni terapeutiche per la patologia mammaria avanzata endocrinoresponsiva  e le strategie da adottare in merito. Recentemente l’avvento dei farmaci target ha rivoluzionato il trattamento di queste pazienti, l’utilizzo delle inibitore delle cicline ha spostato le scelte terapeutiche dalla chemioterapia verso una sequenza di farmaci biologici che seppure più tollerati non sono completamente privi di tossicità. All’interno della patologia mammaria ci sono particolari caratteristiche di pazienti come le anziane con comorbidità che hanno bisogno di una valutazione geriatrica al baseline individualizzata proprio alla luce dei dati emersi sulle nuove molecole e le loro caratteristiche di tollerabilità ed efficacia