Le sale conferenze Motus Animi

venerdì 25 ottobre 2019

MALATTIA DI CROHN: ASPETTI CLINICI-DIAGNOSTICI E LINEE GUIDA


MALATTIA DI CROHN: 
ASPETTI CLINICI-DIAGNOSTICI E LINEE GUIDA 

SEDE EVENTO: THotel, Località Garrubbe, Feroleto Antico - Lamezia Terme 


DATA EVENTO: 16 novembre 2019 

Responsabile Scientifico: Pietro Paese 

N. Partecipanti: 20 
Professioni Accreditate: Gastroenterologia, Endoscopia Digestiva, Medicina Interna.





PROGRAMMA SCIENTIFICO
08.30 Registrazione partecipanti e caffè di apertura
09.00 Presentazione Corso e saluto delle autorità (Presidenti AIGO. SIED. SIGE)
I° SESSIONE Presidente: L. Rizzuti
Moderatori  A. Sabatino, L. Abenavoli
09.30  Classificazione clinica ed aspetti  diagnostici 
F. Luzza
10.00  Quadri Endoscopici : Utilità degli score endoscopici
C. Cicerone
10.30  Terapia biologica con ANTI- TNF : Esiste  un futuro?
C. Cavaliere
11.00  Terapia biologica con i nuovi famaci biologici
S. Rodinò
11.30 Manifestazioni extra intestinali 
P. Paese
12.00 Malattia di Crohn in pediatra: Clinica e terapia  
N. Dodaro
Casi clinici di malattia di Crohn: L.  Sebkova, M. Erboso
Discussione sui temi trattati
12.30 Nuova Terapia Marziale e Trasfusione evitabile".
F. Zinno
13.00 Discussione
13.30 Pausa Pranzo
II° SESSIONE: Presidente E. Ciliberto
Moderatori: M. Verta, M. Maglia
14.30 Storia naturale della malattia di Crohn 
M. Imeneo
15.00 La terapia biologica ha modificato la storia naturale 
A. Lauria
15.30 Quando la chirurgia: Linee Guida 
I. Luppino
16.00 VCE nella Malattia di Crohn
G. Franco
16.30 Ruolo della Entero-RMN nella Malattia di Crohn
M. Florio
17.00 Chiusura del corso, valutazione ECM e conclusioni

RAZIONALE DEL CORSO
La Malattia  di Crohn   è una malattia cronica infiammatoria intestinale  caratterizzata da una flogosi  discontinua della mucosa, spesso  a “salti “ che interessa quasi  sempre intestino tenue e il  retto-colon  retto ma in rari casi può colpire dalla bocca sino alla regione anorettale .
Presenta un decorso caratterizzato da fasi di acuzie alternata a periodi di remissione e colpisce prevalentemente una fascia di pazienti in età giovanile con una incidenza nei  paesi occidentali  di   4 nuovi casi   su 100.000  e una prevalenza di circa 50-100 casi  ogni 100.000 soggetti.
La eziologia è ad oggi sconosciuta ma fattori genetici, ambientali e fattori immunologici rivestono un ruolo rilevante nel determinare la insorgenza della malattia e le recidive.
Le terapie negli ultimi 10 anni, grazie alle nuove terapie biologiche, hanno mutato il decorso e la prognosi della malattia, sono in grado di determinare una remissione delle fase acuta in gran parte dei soggetti malati e di ottenere una lunga fase di remissione clinica ed endoscopica.
Lo scopo di questo corso è quello di comunicare l’esatto iter diagnostico in fase iniziale di malattia, le procedure strumentali da richiedere nei controlli clinici  sia in     fase di attività che di  remissione .Nel corso verranno trattate le nuove terapie biologiche oggi disponibili e i nuovi  farmaci in fase di  studio sperimentale  di prossima disponibilità nella pratica clinica.
Le malattie infiammatorie croniche intestinali frequentemente determinano un stato anemico cronico sideropenico dovuto allo stato di flogosi cronica attiva, al malassorbimento intestinale del ferro e ai frequenti sanguinamenti cronici intestinali.
Nella maggior parte dei casi non si può associare alla terapia antinfiammatoria terapia marziale con ferro   per via orale in quanto risulta mal tollerata in questi soggetti.  
Nella maggior parte dei casi è necessario, per il riscontro di grave stato anemico, praticare terapia marziale con ferro per via parenterale endovenosa per determinare un rapido reintegro della valori della emoglobina sierica e per evitare trasfusioni.
 Una nuova formulazione di ferro e.v. permette un rapido aumento della emoglobina sierica e un reintegro completo dei valori dell’esame emocromo, ferritinemia e della sideremia sierica con relativo stato di benessere del paziente.
 
ANALISI FABBISOGNI FORMATIVI
La formazione del corso viene indirizzata in prevalenza ai medici specialisti in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva e Medicina Interna, per creare un iter diagnostico condiviso nella prima diagnosi, nei controlli clinici e strumentali successivi e praticare le terapia con un protocollo comune di intesa.
Tale aggiornamento clinico-diagnostico consentirà, oltre che un aggiornamento sulle nuove terapie biologiche e Marziali la possibilità di avere una rapporto continuo, da parte dei medici che seguono i pazienti, con l’ambulatorio specialistico delle malattie croniche infiammatorie intestinale attivo molti anni nella U.O. C di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva della Azienda Ospedaliera di Cosenza