Le sale conferenze Motus Animi

venerdì 10 gennaio 2020

Pneumologia Territoriale: Attualità e Prospettive, 21 e 22 febbraio 2020 - Lecce



U. O. S. Dipartimentale di pneumologia territoriale 
Pneumologia Territoriale: Attualità e Prospettive 
3° edizione 

Responsabile scientifico: Francesco Satriano
Presidente del corso: Dario Olivieri

Segreteria Scientifica: Sabrina Ottomano, Maria Grazia Cagnazzo, Laura Gillini, Antonia Angela Giannuzzi, Sandra Sozzo

Sede dell’Evento: Hotel President, Lecce
Data Evento: 21 e 22 Febbraio 2020

N. Partecipanti: 150
Professioni Accreditate: Medici Chirurghi dell'area interdisciplinare, Infermieri e Fisioterapisti 

PROGRAMMA SCIENTIFICO

21 febbraio 2020
14.00 Registrazione partecipanti
14.30 Apertura lavori e saluto delle autorità: R. Rollo (Direttore Generale),
R. Carlà (Direttore Sanitario), D. De Giorgi (Presidente Ordine dei Medici)
14.45 Presentazione: F. Satriano – D. Olivieri

Sessione I Trapianto del polmone
Presidenti: C. Surrente, G. Marulli
Moderatori: P. Barone, P. Bracciale, G. D'Alagni
15.00  G. Pelaia - Immunologia del polmone    
15.25  P. Tarsia - Il trapianto del polmone: come, quando e per chi?
15.50  M. Carone – La riabilitazione nel post trapianto                 
16.15  Discussants: R. Malorgio, A. Gaballo, S. Talamo, M. Bisconti
16.40  Coffee Break

Sessione II BPCO e Asma
Presidenti: M. P. Foschino Barbaro, L. Macchia;
Moderatori: L. Mandurino – G. Pancosta - V. Spagna          
17.00 D. Radovanovic - Fisiopatologia della BPCO – passato, presente e futuro          
17.25 P. Rogliani - La tripla terapia nel paziente con BPCO
17.50 G.E. Carpagnano - Gestione clinica dell'asma grave
18.15 Discussants: M. Quitadamo, A. Metrucci, R. Lubello, G. Sebastio
18.30 Chiusura lavori

22 febbraio 2020
Sessione I: Disturbi respiratori del sonno
09.00  Registrazione partecipanti
Presidente:  G. Massari; P. Schino
Moderatori: - E. Sabato –F. Meleleo –  D. M. Toraldo
09.30 G. Insalaco - OSA: caratteristiche fenotipiche per la identificazione e l'inquadramento clinico e terapeutico
10.00 F. De Benedetto – OSAS patologia multidisciplinare
10.30 Coffee Break
10.50 R. Sabato - OSAS + BPCO: un incrocio pericoloso?
11.20 M. Muratore - Criteri di non idoneità alla guida
11.50 Discussants: A. Andrani, W. Castellano, G. Fiorentino, S. Giurgola

Sessione II
12.10 Umberto Pelizzari – alla ricerca del proprio limite
13.10 Questionario ECM e chiusura lavori
           
RAZIONALE  SCIENTIFICO

L’evoluzione delle pratiche mediche, chirurgiche, anestesiologiche e delle terapie postoperatorie, ha consentito la realizzazione del trapianto di polmone, quale opzione terapeutica innovativa in grado di migliorare la qualità di vita di tanti  pazienti affetti da varie patologie respiratorie all'ultimo stadio (terminali). I trapianti polmonari eseguiti finora in tutto il mondo sono circa 30.000.  A livello mondiale, se ne effettuano più di 3000 all’anno ed è tuttora una terapia applicata raramente, se confrontata con il trapianto di altri organi quale il cuore o i reni. Nei centri specializzati, i candidati per il trapianto polmonare vengono scelti in base a specifici fattori di malattia, dopo l'esclusione di eventuali complicazioni. Il trapianto di polmone è indicato per tutte quelle malattie ad uno stadio avanzato che non rispondono più alle terapie, e con limitata prognosi a lungo termine:  enfisema polmonare, BPCO, fibrosi polmonare e fibrosi cistica.                                                                                 
La patologia ostruttiva delle vie aeree nelle sue due sindromi cliniche, ASMA e BPCO, presenta una elevata prevalenza nella popolazione generale e rappresenta un crescente problema di sanità pubblica per il forte impatto sanitario ed economico. L’ASMA e la BPCO sono sindromi eterogenee complesse con un’ampia variabilità di fenotipi (molecolari, biologici, clinici e funzionali) che condiziona la risposta alla terapia. La disponibilità di nuovi biomarcatori sta consentendo una sempre migliore caratterizzazione dei pazienti favorendo una strategia terapeutica sempre più personalizzata.
La presa in carico del paziente con OSAS si avvale, nei centri specializzati, di un'équipe che comprenda diverse figure specialistiche: lo  pneumologo, il neurologo, il chirurgo maxillo-facciale, l’ortognatodontista, l’otorinolaringoiatra e il nutrizionista si occupano, ognuno con le proprie competenze, di trattare al meglio questa patologia. La scelta terapeutica più appropriata per il controllo delle apnee ostruttive durante il sonno (ventilatori CPAP, apparecchi odontoiatrici, terapie posizionali, o chirurgiche otorinolaringoiatriche o maxillo-facciali) deve necessariamente tener conto di diversi fattori tra cui l'entità del disturbo respiratorio in sonno, la gravità dei sintomi associati, la coesistenza di altre malattie presenti, l'aderenza del paziente alla terapia proposta.