Le sale conferenze Motus Animi

lunedì 19 ottobre 2020

Webinar: Neoplasia del retto dalla diagnosi alla terapia

 

Sede Effettiva dell’Evento: www.motusanimifad.com
Data Evento: 23 ottobre e 20 novembre 2020
Responsabili Scientifici:
R. De Blasi, C. Gabrieli, E. Tamburini, M.G. Viola Segreteria Scientifica: Luciana Petrucelli

N. Partecipanti: 100

Categorie Accreditate: medici di medicina generale, infermieri, biologi, tecnici di radiologia, oncologi, patologi, radiologi, radioterapisti, medici di medicina del lavoro, medici di medicina nucleare, farmacisti, chirurghi, psicologi.

23 ottobre 2020
14:00
Introduzione: Emiliano Tamburini
Sessione I: La malattia Organo Confinata
Moderatori De Giorgi Donato, Ivan Lolli, Silvana Leo, Angelo Mita, Daniela Musio 14:30
Risonanza magnetica: Sandra Perrone
14:40 Eco-endoscopia: Maurichi Francesco
14:50 ypT e ypN: quali indicazioni prognostiche per l’oncologo: Valentina Moretti

15:00 Discussione fra esperti: Maria Teresa Elia, Giovanni Santacroce, Anna Maria D’amico, Stefano Pellegrino, Antonella Elia, Silvana Serrano, Giuseppe Quarta, Carmine Cerullo, Gabriele D’Errico, Valentina Moretti, Sandra Perrone, Antonio Gnoni, Elisa Ciurlia, Cristina Barba, Maurizio Tridici, Davide Carluccio

15:30 Short Course vs Long course: Donatella Russo
15:40 Novità in Chirurgia: Francesca Bazzocchi
15:50 Il ruolo del case manager: Sara De Pascalis e Giulia Chiuri

16:10 Discussione fra esperti: Maria Teresa Elia, Giovanni Santacroce, Anna Maria D’amico, Stefano Pellegrino, Antonella Elia, Silvana Serrano, Giuseppe Quarta, Carmine Cerullo, Gabriele D’Errico, Valentina Moretti, Sandra Perrone, Antonio Gnoni, Elisa Ciurlia, Cristina Barba, Maurizio Tridici, Davide Carluccio

16:30 Lettura magistrale: Trattamento adiuvante dopo neoadiuvante: che si fa? Antonio Avallone 16:50 Il caso clinico: Maria Teresa Mita

17:00 Discute il caso clinico: Arianna Pellegrino

17:10 Discussione fra esperti: Maria Teresa Elia, Giovanni Santacroce, Anna Maria D’amico, Stefano Pellegrino, Antonella Elia, Silvana Serrano, Giuseppe Quarta, Carmine Cerullo, Gabriele D’Errico, Valentina Moretti, Sandra Perrone, Antonio Gnoni, Elisa Ciurlia, Cristina Barba, Maurizio Tridici, Davide Carluccio

17:30 Chiusura della prima giornata congressuale

20 novembre 2020
14:00
Introduzione: Emiliano Tamburini
Sessione II: La malattia IV stadio.
Moderatori: Evaristo Maiello, Michele Simone, Forcignanò Rosachiara, Marcello Spampinato Malattia epatica sincrona potenzialmente resecabile:
14:30
Esiste un timing ideale per la chirurgia? Riccardo Memeo
14:40 Imaging delle metastasi epatiche: Mariantonietta Monteduro
14:50 L’importanza dei margini nelle metastasi epatiche: Giovanna Segreto

15:00 Discussione fra esperti: Maria Teresa Elia, Giovanni Santacroce, Anna Maria D’amico, Stefano Pellegrino, Antonella Elia, Silvana Serrano, Giuseppe Quarta, Carmine Cerullo, Gabriele D’errico, Valentina Moretti, Sandra Perrone, Antonio Gnoni, Elisa Ciurlia, Cristina Barba, Maurzio Tridici, Davide Carluccio

15:30 Quando non mandare il paziente dal Chirurgo? Tiziana Latiano 15:40 Il caso clinico: Vittoria Barbieri
15:50 Discute il caso clinico: Claudio Lotesoriere

16:00 Discussione fra esperti: Maria Teresa Elia, Giovanni Santacroce, Anna Maria D’amico, Stefano Pellegrino, Antonella Elia, Silvana Serrano, Giuseppe Quarta, Carmine Cerullo, Gabriele D’errico, Valentina Moretti, Sandra Perrone, Antonio Gnoni, Elisa Ciurlia, Cristina Barba, Maurzio Tridici, Davide Carluccio

Malattia non resecabile:

16:30 Strategia nella malattia triplo Wild Tipe: Francesco Giuliani 16:45 Strategia nella malattia BRAF mutata: Gerardo Rosati

17:00 Discussione fra esperti: Maria Teresa Elia, Giovanni Santacroce, Anna Maria D’amico, Stefano Pellegrino, Antonella Elia, Silvana Serrano, Giuseppe Quarta, Carmine Cerullo, Gabriele D’errico, Valentina Moretti, Sandra Perrone, Antonio Gnoni, Elisa Ciurlia, Cristina Barba, Maurzio Tridici, Davide Carluccio

17:30 Chiusura seconda giornata congressuale Razionale:

Il tumore del retto va considerato come una patologia oncologica ad elevata necessità di integrazione fra i vari specialisti sia per la necessità’ organizzativa in senso stretto, sia per le peculiarità della malattia.

Da un lato esso rappresenta una malattia dalle molteplici presentazioni che richiede un approccio personalizzato e talvolta profondamente differente a seconda di sede, stadiazione, possibilità di preservare lo sfintere ecc. D’altro canto richiede ottimizzazione dei tempi terapeutici tali da richiedere un grosso sforzo al case management, in quanto il timing chirurgico rispetto alle altre terapie ha un impatto fondamentale negli esiti oncologici. Inoltre

nella fase più avanzata presenta alcune criticità che il parente stretto “tumore del colon” non presenta (vedi ruolo della radioterapia).

Scopo del nostro incontro e’ quello di far discutere i vari professionisti di tutte le fasi della malattia, dalla diagnosi alla terapia, sottolineando le aree di criticità decisionale laddove a volte la letteratura scientifica non ci aiuta.